1. Risorse Utili
  2. Calcolo interessi moratori

Calcolo interessi moratori

Usare il punto per separare i decimali, NON la virgola.
per es: 1000.50
La data inserita deve avere questo formato GG/MM/AAAA.
per es. 01/01/2010
Se il campo è lasciato in bianco, gli interessi vengono calcolati alla data di oggi.
Formato GG/MM/AAAA
(comma 3, art. 62, D.L. 1/2012 'cessione di prodotti agricoli e alimentari')

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

Valuta questa applicazione:

4 / 5 (18 voti)

I tassi di interesse moratori sono aggiornati al 2016

E' buona norma verificare l'esattezza dei calcoli

Potrebbe interessarti anche il programma per il
calcolo interessi moratori a scalare

Istruzioni
Utilizzare questo programma è molto semplice. Generalmente basterà inserire l'importo su cui calcolare gli interessi moratori e la data di inizio mora e premere su "Calcola". Il programma calcolerà automaticamente gli interessi moratori dalla data di inizio mora alla data odierna.
Se invece si vuole calcolare gli interessi moratori fino ad una data specifica, basta compilare anche il campo "Data Fine" e premere su "Calcola"

Cosa sono gli interessi moratori
Il D.Lgs. 231/2002 emesso in attuazione della direttiva 2000/35/CE relativa alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali, ha introdotto una disciplina punitiva stabilendo che, in caso di ritardo nel pagamento, vengano applicati automaticamente gli interessi moratori.
In pratica gli interessi moratori sono una sorta di risarcimento del danno, dovuti anche se non previsti contrattualmente dalle parti, del quale il creditore non ha neanche l'onere di provare il danno subito.
Per legge il tasso di mora viene rivisto ogni sei mesi ed è aggiornato nei mesi di giugno e dicembre di ogni anno. Consulta la Tabella degli Interessi Moratori.

Normativa - D.Lgs. 231/2002

Art. 4 - Decorrenza degli interessi moratori
  1. Gli interessi moratori decorrono, senza che sia necessaria la costituzione in mora, dal giorno successivo alla scadenza del termine per il pagamento.
  2. Salvo quanto previsto dai commi 3, 4 e 5, ai fini della decorrenza degli interessi moratori si applicano i seguenti termini:
    1. trenta giorni dalla data di ricevimento da parte del debitore della fattura o di una richiesta di pagamento di contenuto equivalente. Non hanno effetto sulla decorrenza del termine le richieste di integrazione o modifica formali della fattura o di altra richiesta equivalente di pagamento;
    2. trenta giorni dalla data di ricevimento delle merci o dalla data di prestazione dei servizi, quando non e' certa la data di ricevimento della fattura o della richiesta equivalente di pagamento;
    3. trenta giorni dalla data di ricevimento delle merci o dalla prestazione dei servizi, quando la data in cui il debitore riceve la fattura o la richiesta equivalente di pagamento e' anteriore a quella del ricevimento delle merci o della prestazione dei servizi;
    4. trenta giorni dalla data dell'accettazione o della verifica eventualmente previste dalla legge o dal contratto ai fini dell'accertamento della conformita' della merce o dei servizi alle previsioni contrattuali, qualora il debitore riceva la fattura o la richiesta equivalente di pagamento in epoca non successiva a tale data.
  3. Nelle transazioni commerciali tra imprese le parti possono pattuire un termine per il pagamento superiore rispetto a quello previsto dal comma 2. Termini superiori a sessanta giorni, purche' non siano gravemente iniqui per il creditore ai sensi dell'articolo 7, devono essere pattuiti espressamente. La clausola relativa al termine deve essere provata per iscritto.
  4. Nelle transazioni commerciali in cui il debitore e' una pubblica amministrazione le parti possono pattuire, purche' in modo espresso, un termine per il pagamento superiore a quello previsto dal comma 2, quando cio' sia giustificato dalla natura o dall'oggetto del contratto o dalle circostanze esistenti al momento della sua conclusione. In ogni caso i termini di cui al comma 2 non possono essere superiori a sessanta giorni. La clausola relativa al termine deve essere provata per iscritto.
  5. I termini di cui al comma 2 sono raddoppiati:
    1. per le imprese pubbliche che sono tenute al rispetto dei requisiti di trasparenza di cui al decreto legislativo 11 novembre 2003, n. 333;
    2. per gli enti pubblici che forniscono assistenza sanitaria e che siano stati debitamente riconosciuti a tale fine.
  6. Quando e' prevista una procedura diretta ad accertare la conformita' della merce o dei servizi al contratto essa non puo' avere una durata superiore a trenta giorni dalla data della consegna della merce o della prestazione del servizio, salvo che sia diversamente ed espressamente concordato dalle parti e previsto nella documentazione di gara e purche' cio' non sia gravemente iniquo per il creditore ai sensi dell'articolo 7. L'accordo deve essere provato per iscritto.
  7. Resta ferma la facolta' delle parti di concordare termini di pagamento a rate. In tali casi, qualora una delle rate non sia pagata alla data concordata, gli interessi e il risarcimento previsti dal presente decreto sono calcolati esclusivamente sulla base degli importi scaduti.

Art. 5 - Saggio degli interessi

  1. Gli interessi moratori sono determinati nella misura degli interessi legali di mora. Nelle transazioni commerciali tra imprese e' consentito alle parti di concordare un tasso di interesse diverso, nei limiti previsti dall'articolo 7.
  2. Il tasso di riferimento e' cosi' determinato:
    1. per il primo semestre dell'anno cui si riferisce il ritardo, e' quello in vigore il 1° gennaio di quell'anno;
    2. per il secondo semestre dell'anno cui si riferisce il ritardo, e' quello in vigore il 1° luglio di quell'anno.
  3. Il Ministero dell'economia e delle finanze da' notizia del tasso di riferimento, curandone la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana nel quinto giorno lavorativo di ciascun semestre solare.

Art. 6 - Risarcimento delle spese di recupero

  1. Nei casi previsti dall'articolo 3, il creditore ha diritto anche al rimborso dei costi sostenuti per il recupero delle somme non tempestivamente corrisposte.
  2. Al creditore spetta, senza che sia necessaria la costituzione in mora, un importo forfettario di 40 euro a titolo di risarcimento del danno. E' fatta salva la prova del maggior danno, che puo' comprendere i costi di assistenza per il recupero del credito.